Salute

farooq_sulaymaniyha

Faruk Medical City, Sulaimanyah

L’Assistenza sanitaria nella regione del Kurdistan affronta importanti sfide, dopo gli anni in cui la  regione è stata trascurata e oppressa dal governo centrale, e attualmente siamo sulla strada della ripresa, ed ereditiamo un sistema con poche infrastrutture che sono state ricostruite da zero. Il KRG attualmente sta ideando un modello realistico per la regione al fine di collaborare insieme per il sistema sanitario. Noi crediamo in un modello di collaborazione pubblico-privato come trampolino di lancio importante nel rilancio del sistema sanitario nel Kurdistan.
L’obiettivo del governo è di rendere la sanità più efficiente ed economica. C’è stata una mancanza di investimenti in questo settore tanto che sono stati investiti 195 milioni in 17 progetti nella regione. Ad esempio il centro diagnostico multimilionario all’avanguardia e un ospedale cardiaco hanno avuto successo nel fornire elevati standard di trattamento nella regione. Il Centro diagnostico Medya è il primo laboratorio della regione ad ottenere il riconoscimento internazionale come fornitore di qualità di sperimentazione medica conforme a ISO 15189. Forza trainante dietro queste iniziative è il grande bisogno di sollevare e imporre standard di assistenza sanitaria in tutta la regione.
La Legge sugli investimenti aiuta gli specialisti nella salute ad avviare proprie cliniche private, ospedali e impianti farmaceutici, un grande incentivo dietro questo è l’incentivo alla proprietà terriera. In questo modo si permette al settore privato di fornire servizi che attualmente non sono disponibili nel settore pubblico, siamo consapevoli del rischio di questa strategia, che causa una divisione tra ciò che ricchi e poveri possono permettersi, ma se si inizia da zero alla fine il settore pubblico sarà in grado di fornire un terziario di alta qualità, creando concorrenza sulla salute tra il privato e il settore pubblico.
Con l’assistenza esterna il settore può essere portato indietro sui suoi piedi, il KRG ha firmato un accordo con la britannica Royal College degli ostetrici e dei ginecologi per migliorare la salute materna e neonatale in Kurdistan attraverso l’educazione e l’indicazione di standard clinici per la regione. Con l’istituzione di questa partnership, il settore ha ricevuto preziosi workshop e corsi di formazione per gli specialisti della salute.
Il Ministero della salute sta attualmente cercando i modi per ristrutturare il bilancio; quando il sistema fu fondato all’inizio, fu strutturato sul fornire un servizio sanitario nazionale  gratuito e nel clima attuale non è possibile. Il bilancio che è stato spostato dalla cura secondaria e terziaria alla cura primaria pubblica in quanto il 95% della popolazione usa un’assistenza sanitaria primaria rudimentale, tuttavia questi ospedali e centri sanitari necessitano di un personale ben addestrato e attrezzature avanzate per poter contribuire a fornire un servizio migliore ai pazienti, con 466 centri di assistenza sanitaria primaria che non è un piccolo compito.
La riduzione del potere burocratico per quanto riguarda l’assistenza sanitaria nella regione ha aiutato i funzionari della sanità locale e regionale nelle decisioni sul funzionamento giorno dopo giorno del settore lasciando i più alti funzionari a gestire la pianificazione strategica del dipartimento, permettendo al settore di funzionare in modo più efficiente. Con ciò il settore ha visto lo sviluppo di programmi di vaccinazione professionale, il servizio di babysitting, la formazione di medici e infermieri. La regione ha lanciato una campagna di sensibilizzazione sui problemi di salute, attraverso spot televisivi, avvertendo le persone sui pericoli del fumo, consigliando loro di tenere i farmaci lontano dalla portata dei bambini, obesità ecc. Insieme a programmi settimanali su TV locali circa la salute e la nutrizione e che hanno ospitato specialisti per rispondere alle domande di telespettatori, ciò guidato dal governo che permetterà ai cittadini di diventare più consapevoli delle emergenze sanitarie e minacce.